1954

A Tarcento (Udine), viene fondata l’azienda Trudi. I primi peluche furono creati un po’ per gioco, ma con tanta passione, dalla signora Trudi Müller Patriarca, quando, ancora adolescente cominciò a creare con ago, filo e pezzetti di stoffa, graziosi animaletti, per sé e per i propri amici. Crescendo, Trudi conserva la sua passione ed in poco tempo, quella che sembrava una fiaba d’altri tempi si trasforma in una vera e propria storia imprenditoriale di successo.

1960

I peluche conquistano il mercato italiano e nasce il “Trudi Style”, simbolo di qualità, bellezza, innovazione e attenzione ai dettagli. All’innovazione estetica dovuta all’utilizzo di nuovi materiali estremamente morbidi rispetto al mohair usato fino ad allora, si accompagna una rivoluzione nell’imbottitura: la tradizionale paglia viene sostituita con l’ovatta, rendendo così il peluche lavabile e morbido da abbracciare.

1970

Sono gli anni della crescita. La collezione Trudi si amplia per far fronte alle richieste di un mercato sempre più attento ed esigente, che spinge Trudi a rinnovare le proprie collezioni e ad iniziare il processo di industrializzazione produttiva. Trudi, partecipa alle prime fiere del settore come il Salone Internazionale del Giocattolo di Milano e alla storica International Toy Fair di Norimberga. In questi anni, i peluche Trudi cominciano a ispirarsi sempre più al mondo reale degli animali e ad essere sempre meno pupazzi. La signora Trudi, costretta a letto a causa di un incidente, mette a frutto la sua instancabile creatività, adattandosi ad una situazione che permetteva di tagliare e cucire solo piccoli peluche. Sperimenta le prime “Miniature”.

1980

Trudi si evolve e diventa brand di successo. Dalle “Miniature” nascono “Trudini” e “Mini Trudini”: Trudi di piccola taglia, da collezionare, destinati a diventare i best seller della collezione e ad aprire nuovi mercati. Alla fine degli anni Ottanta, grazie alle innovazioni avvenute nel settore dell’abbigliamento, vengono introdotti materiali per le pellicce ecologiche che ben si prestano ad essere utilizzati come pelo per un pupazzo.

1990

Trudi diventa famosa anche all’estero. Nascono le filiali del Gruppo in Germania e Spagna. La strategia di diversificazione continua con l’acquisizione di Sevi, il marchio di giochi e accessori in legno più antico in Europa. Come ulteriore garanzia di qualità, Trudi ottiene la certificazione UNI EN ISO 9001. Del 1992 è il lancio sul mercato dei peluche più piccoli del mondo: le “Sweet Collection”: in soli 9 cm riescono a riprodurre fedelmente le caratteristiche di tutti gli animali. Nel 1996 la Walt Disney Company, stipula con Trudi un contratto di licenza per la produzione e distribuzione di peluche Disney per l’intero mercato europeo. A breve inizierà anche la collaborazione con Warner Bros.

2000

Trudi si accorge di essere un marchio forte, con un’importante riconoscibilità, capace di trasmettere valori ed emozioni. Trudi non è più solo sinonimo di peluche, ma è in grado di lanciare sul mercato proprie licenze, con importanti partner che ne condividano valori e filosofia, destinate a divenire linee di successo. Nascono i primi Bussi: teneri peluche contraddistinti da un ciondolo in legno a forma di cuore, dal dolcissimo sorriso e dal corpo dinoccolato

2014

1954-2014. Trudi compie 60 anni. In 60 anni di storia abbiamo visto le persone fare grandi cose insieme a Trudi. Emozionarsi, abbracciarsi, divertirsi ed appassionarsi. Una storia di grandi e piccini. Una storia di 60 anni di emozioni! Divertimento, Amore, Allegria, Complicità e Tenerezza. Ancora oggi, tutto nasce da un Disegno. Ancora prima da un’idea. Diventa Cartamodello. Le sarte cuciono il Sogno. Nascono così i peluche Trudi. In 60 anni abbiamo visto le persone emozionarsi insieme a Trudi. Che gioia, cara Trudi, vederti ancora così appassionata! Che bello vederti ancora giocare! Auguri per i tuoi 60 anni!